Il pranzo non è servito e la festa è finita da un pezzo


Poco più di un decennio dev’essere trascorso dal momento in cui questo edificio su più livelli ha cessato la propria attività di struttura ricettiva-ricreativa, ed è divenuto un ristorante abbandonato sul Monte Somma. Un arco di tempo più che sufficiente affinché il locale venisse svuotato, ricoperto di graffiti e devastato in più punti, terminando la propria parabola discendente nella desolazione e nel degrado.

Non che sia una rarità trovare un edificio dismesso nell’area del Parco del Vesuvio (la meta più nota della zona è l’Hotel Eremo) ma fa un certo effetto calpestare un mucchio di detriti, calcinacci e vetri rotti tra le mura di un ristorante che fino a qualche tempo fa ospitava cerimonie, matrimoni ed altre celebrazioni, e di certo è ancora iscritto nei ricordi di chi scelse di festeggiare una ricorrenza importante in questo luogo panoramico.

 

Il piano più alto è anche quello d’ingresso: la particolarità del ristorante è che si sviluppa verso valle. All’aperto, il sistema di terrazze sovrapposte è collegato dai gradini di un’audace scalinata in pietra dalla forma arcuata. C’è da dire che la discesa, ad oggi, conduce verso gli ultimi resti degni di un minimo interesse fotografico: sul pavimento di una terrazza intermedia giace, spaccata in due, la statua di un animale marino dalle sembianze mitologiche; ai piani inferiori sono in parte intatte le cornici di porte e finestre; all’ultimo piano in basso, ecco i mosaici di vetri luccicanti che ancora adornano, con gusto opinabile, una sala da ballo (si presume).

Insieme ad un balconcino a colonne, la lunga scalinata a forma dentata, soprattutto nell’intreccio conclusivo, resta forse il soggetto architettonico più stimolante tra i resti fatiscenti di questo ristorante abbandonato sul Monte Somma. In compagnia di Gino, autore di diversi articoli su Derive Suburbane, sono andato in cerca di dettagli interessanti: il locale, bisogna dirlo, con la giusta luce è particolarmente fotogenico, dato che, al netto degli scatti qui proposti, lo spettacolo dal vivo non è affatto dei migliori.


Categoria: struttura ricettiva
Tipologia: ristorante
Stato: abbandonato e svuotato
Zona: Parco Nazionale del Vesuvio
Dintorni: poco trafficati
Visita: senza grossi rischi
Durata: 30-45 minuti
Aggiornamento:
luglio 2020

Condividi su: