Due siamesi diversi, parte 1: il monastero incompiuto


Sembrano riposare abbracciati questi due fossili edilizi dalla diversa storia e (de)composizione, e senza alcun tratto esteriore in comune. L’uno è un monastero incompiuto, che appare come un rudere ridotto ai minimi termini e invece è solo il telaio esterno di un progetto mai terminato, ormai eroso dal tempo. L’altro è un ex caseificio, perfettamente adiacente al suo fratello siamese: questo palazzetto giallo ha avuto però una sua nascita, vita e morte, a differenza del mai-sorto-monastero con cui condivide un lato come in un affettuoso, seppur improbabile bacio.

 

Il monastero non era altro che il progetto di un imprenditore locale noto per le sue opere di beneficenza, tra le quali era incluso questo complesso monastico posto sulla cima di un’altura. L’edificio fu progettato e iniziato negli anni della ripresa economica dopo la seconda guerra mondiale, allo scopo di riportare un ordine monacale all’interno della comunità. La morte prematura dell’imprenditore segnò, purtroppo, anche l’interruzione dell’edificazione, che sarebbe da allora rimasta per sempre in sospeso, nonostante numerose (le solite!) proposte di riqualificazione, sempre fallite.

Le forme bizzarre e suadenti di questa incompiuta hanno soltanto la forza dell’allusione, il resto è lasciato alla fantasia proiettiva dello spettatore. Non solo la torre centrale, ma anche le ringhiere a colonnine in pietra, insieme ad altri fregi abbozzati, lasciano intravedere un potenziale interessante, che accresce i rimpianti per la sospensione del progetto.

 

Dall’alto del monastero, e del monte solitario su cui si erge, il panorama è strepitoso, e la luce prossima al tramonto abbellisce la visuale, mentre si completa il quadro malinconico e affascinante di questo paesaggio montano.

 

Clicca qui per vedere su Facebook altre foto del monastero,
oppure
clicca qui per leggere l’articolo sul caseificio. 


Categoria: edifici fantasma
Tipologia: monastero incompiuto
Stato: edificazione incompiuta
Raggiungibilità: molto agevole in auto
Accessibilità: semplice
Dintorni: desolati
Durata della visita: 60 minuti
Aggiornamento: agosto 2019

Condividi su: