Il lato nascosto dell’ex OPG: al di qua delle sbarre (pt. 2)


L’ex OPG (ospedale psichiatrico giudiziario) di Materdei sorse nel 1572 come monastero di Sant’Eframo Nuovo, di cui è ancora riconoscibile la struttura e la pianta architettonica originaria. Solo nel 1925 divenne manicomio criminale e nel 1975 OPG, prima di chiudere i battenti negli anni 2000. Di tutto questo abbiamo già scritto in un altro articolo, mostrando le celle in cui erano ammassati i detenuti affetti da infermità mentale. Nulla di esclusivo, in verità: è la sezione del penitenziario mostrata a tutti gli avventori che richiedono una visita e riescono a trovare un accompagnatore. Noi, però, abbiamo avuto una fortuna particolare: la nostra amica Chiara ci ha fatto aprire le porte di un’ala solitamente chiusa al pubblico: il settore destinato alle guardie carcerarie.

Fin dalla strada si scorgono postazioni di controllo, e le torri di vedetta non mancano anche all’interno della struttura: da qui i guardiani del carcere sorvegliavano i detenuti dentro le mura. Una volta entrati nel settore delle guardie carcerarie, sbirciando oltre la penombra e al di là delle porte dei corridoi, salta immediatamente agli occhi la netta differenza di organizzazione dello spazio rispetto alle sezioni che ospitavano i criminali: dormitori e servizi hanno tutt’altro aspetto e dimensioni, sono decisamente più vivibili.

 

Sul pavimento e sui letti sono ancora accatastate le divise d’ordinanza. Negli uffici, i raccoglitori sugli scaffali sono pieni di documenti d’archivio, che racchiudono la storia dell’ospedale psichiatrico giudiziario. Un’ampia sala ormai vuota era la mensa dove mangiavano le guardie in servizio. Ma la visione più inattesa è stata un piccolo studio dentistico, un piccolo lusso in un carcere in cui i criminali, stipati nel resto del complesso, erano detenuti in condizioni estreme di sopravvivenza.

 

Quel che è certo è che la sedia del dentista è ormai un modello decisamente antiquato, e va detto che le condizioni di igiene lasciano a desiderare!

Per leggere la prima parte dell’articolo sull’ex ospedale psichiatrico giudiziario, clicca qui.


Categoria: edificio fantasma
Tipologia: manicomio criminale, reparto guardie
Stato: parzialmente in disuso
Zona: centro storico di Napoli
Raggiungibilità: a piedi
Accessibilità: portone (orari d’apertura)
Dintorni: popolati
Visita: normalmente non concessa
Durata: 30 minuti
Aggiornamento: febbraio 2019

Condividi su: