L’ultimo tuffo in piscina. Solo un anno dopo (pt. 2)


Ancora una piscina abbandonata come meta delle nostre esplorazioni, e non è un caso: cercando notizie sulla Società titolare dell’impianto che avevamo già fotografato (clicca qui per la “parte 1”), abbiamo scoperto l’esistenza di un centro sportivo polifunzionale, afferente alla stessa proprietà, ma ben più ampio ed attrezzato: campi da calcio, basket, tennis e paintball; piste di atletica, parchi, giostre per bambini, area pic-nic, bar; palestra, solarium, calcetto indoor, e naturalmente una piscina semiolimpionica. E se ci fossimo persi qualcosa, la mappa all’ingresso dei giardini chiarisce ogni dubbio.

NOTIZIE – La struttura è abbandonata da meno di un anno: è datato agosto 2018 il tramonto di un’attività partita nel 1999, ma dal 2008 si sono avvicendati rimescolamenti societari e dal 2011 si sono accumulati canoni non corrisposti al Comune, fino alla definitiva chiusura. Insomma, una sorte non dissimile da quella della piscina più piccola che avevamo visitato qualche giorno prima, ma una fine molto più recente, e di certo più grave, viste le dimensioni del club polisportivo e la quantità di attrezzature presenti. Tutto, o quasi, già sparito in soli 10 mesi o poco più: si notano tracce di diversi passaggi (vandali, ladri e anche tossicodipendenti) e il luogo ormai è colonizzato dalle zanzare. Centinaia o forse migliaia, che hanno reso la nostra visita un incubo e quasi impossibile fermarsi a scattare foto.

DERIVA – I campi di basket e calcetto indoor e outdoor trasmettono sensazioni post-apocalittiche, forse anche più intense per chi abbia visto e vissuto questo impianto sportivo quando era in funzione. Ma è la piscina a racchiudere tutta la malinconia e il cupo silenzio dell’abbandono. I trampolini senza tuffatori, l’acqua torbida in cui galleggiano palloni e un salvagente, gli spalti deserti.

Non meno inquietante è la sensazione che si prova ad attraversare corridoi e spogliatoi vuoti e bui. Poster, insegne, cartelli, ma anche diversi oggetti come registri, calendari, documenti, e persino coppe e statuette ci rammentano che fino a pochi mesi fa questo centro dello sport era ancora in vita. Oggi, appare come un luogo evacuato in fretta e furia: in parte disfatto e depredato, in parte ancora sorprendentemente guarnito delle spoglie del suo recente passato. Nella penombra e tra i calcinacci, le sagome dei manichini conferiscono un tocco macabro all’atmosfera già desolata del posto.

Arrivati al primo imbrunire, siamo andati via ch’era quasi buio. L’orario crepuscolare avrà contribuito ad incupire le sensazioni che ci ha lasciato questo luogo, ma è stato piuttosto intenso esplorarne gli spazi oggi devastati, e meno di un anno fa ancora floridi e pieni di vita.

Clicca per vedere altre foto o per un video della piscina.


Categoria: impianto sportivo
Tipologia: piscina in centro polifunzionale
Stato: abbandono e incuria
Dintorni: scarsamente trafficati
Durata della visita: 90-120 minuti
Aggiornamento: luglio 2019

Condividi su: